HomePage  Chi Siamo  Amministrazione Trasparente  Accesso Civico  Contatti  Domande Ricorrenti  Note Legali  Privacy

PRESENTAZIONE ATO

Chi Siamo
DoveSiamo
Competenze
Organizzazione
Organigramma
Contatti

FUNZIONI

Pianificazione e Controllo Sugli Investimenti
Servizi per gli Utenti
Regolamento Scarichi Industriali
Interventi Connessi alle Procedure di Infrazione
Agglomerati
Sistema Informativo Territoriale (SIT)
Zone di rispetto Pozzi

TERRITORIO

I comuni dell'ATO
Gli Operatori
I Subambiti ATO Provincia di Milano

DIRETTORE GENERALE


ALBO AVVOCATI ESTERNI

Domanda di Partecipazione
Albo Aperto Avvocati Esterni
Iscrizioni Sospese Soggette a Volontarie Integrazioni
Candidati Esclusi

AUTORIZZAZIONI

AUA
Autorizzazioni ex art.124, D.Lgs.152/06
Dichiarazioni di Assimilazione ex art.101, D.Lgs.152/06 ed ex art.5, R.R.3/2006
Sportello all'Utenza

BANDI

Bandi
Archivio Bandi

DELIBERE CDA

Delibere CdA

DELIBERE / DECRETI / CIRCOLARI / PARERI

Delibere
Decreti
Circolari
Pareri

CONVENZIONI / STATUTO / REGOLAMENTI / ACCORDI / PIANO PERFORMANCE

Convenzioni
Statuto
Regolamenti
Accordi
Piano Performance

PIANIFICAZIONE

Piano d'Ambito
Evoluzione del Piano degli Investimenti
Piano Interventi Procedura di Infrazione n. 2009/2034/CE
Pianificazioni Precedenti
Piano di Prevenzione delle Emergenze Idriche
Piano delle Perdite Idriche e Fognarie
Manuale di Manutenzione delle Opere del S.I.I.

+COMMUNITY

Foto
Documenti
Materiale Vario

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE CITTA' METROPOLITANA DI MILANO


PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA


LINK UTILI


VIDEO ISTITUZIONALE
AREA RISERVATA
CONSULTA DOCUMENTI
ALBO PRETORIO ONLINE
INTRANET DELLA CITTA'
METROPOLITANA DI MILANO


Autorizzazione Unica Ambientale

 
Dal 13 giugno 2013 è in vigore il Regolamento recante la disciplina dell'Autorizzazione Unica Ambientale e la semplificazione di Adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie Imprese e sugli Impianti non soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale, a norma dell'art.23 del D.L. 9/02/2012 n.5, convertito, con modificazioni, dalla Legge 04/04/2012 n.35. Il citato è stato approvato con il DPR 13/03/2013 n.59 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.124 del 29/05/2013 – suppl. Ordinario n.42.

L'Autorizzazione Unica Ambientale, ai sensi dell'art.2 del DPR n. 59 del 2013 è rilasciata dallo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) ed ha sostituito gli atti di comunicazione, notifica ed autorizzazione in materia ambientale per i sotto indicati titoli abilitativi:

a.  autorizzazione agli scarichi di cui al Capo II del Titolo IV della Sezione II della Parte III del D.Lgs. 152/06;
b.  Comunicazione preventiva di cui all'art.112 del D.Lgs. 152/06, per l'utilizzazione agronomica degli affluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende ivi previste;
c.  Autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all'art.269 del D.Lgs. 152/06;
d.  Autorizzazione generale di cui all'art. 272 del D.Lgs. 152/06;
e.  Comunicazione o nulla osta di cui all'art. 8 commi 4 e 6 della L. n. 447/95;
f.  Autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura di cui all'art. 9 del D.Lgs. n. 99/92;
g.  Comunicazioni in materia di rifiuti di cui agli artt. 215 e 216 del D.Lgs. 152/06.


Con Decreto del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico, previa intesa con la Conferenza Unificata ai sensi dell'art. 8 del D.Lgs. n. 281/97, è stato adottato un modello semplificato e unificato per la richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale. Sino all'adozione di tale Decreto, le domande per l'ottenimento dell'Autorizzazione Unica Ambientale potranno essere presentate nel rispetto della procedura indicata all'art. 4 del DPR n. 59/2013 con l'utilizzo della modulistica attualmente in uso.

Dalla delibera discendono i due successivi decreti:

Il d.d.g. 25 giugno 2014 n. 5512 con cui è stato approvato il modello unico per la presentazione di istanze di AUA e si sono rese disponibili, in via sussidiaria ed a titolo gratuito, le funzionalità della piattaforma regionale MUTA (Modello Unico Trasmissione Atti) al fine di garantire la gestione telematica delle istanze in formato standard XML, in ottemperanza a quanto previsto dal DPR 160/2010
Il d.d.c. 25 giugno 2014 n. 5513 ,con cui sono approvate le specifiche tecniche per garantire l'interoperabilità tra sistemi informativi ai fini della presentazione delle istanze AUA e le tempistiche di adeguamento
Si ricorda che a partire dal 1 novembre 2014 diventerà obbligatoria, da parte dei Gestori, la presentazione delle istanze AUA mediante l'utilizzo della modulistica regionale unificata e da parte dei SUAP e delle Autorità competenti, l'integrazione delle specifiche di interoperabilità nei sistemi in uso.

A partire dal 1 novembre 2014, quindi, tutte le istanze di AUA dovranno essere inviate telematicamente, coerentemente a quanto previsto dal richiamato DPR 160/2010, utilizzando piattaforme telematiche rese disponibili dai SUAP, che abbiano integrato la modulistica regionale unificata approvata con ddg 5512/2014 e che siano state adeguate alle specifiche di interoperabilità definite con il ddc 5513/2014.

Non potranno pertanto essere presentate istanze di AUA:

in via cartacea
via PEC
mediante modulistica differente da quella regionale unificata


Si segnala pertanto che, a decorrere dal 13.06.2013, tutte le istanze tese all'ottenimento dei provvedimenti di competenza dell'ATO, come sotto elencati, non potranno più essere presentate presso lo sportello sito in Milano, viale Piceno n. 60, fatta salva ogni eventuale e successiva disposizione e/o circolare che fornisca differenti indicazioni

a.  Domanda di autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura di acque reflue industriali, acque di prima pioggia e lavaggio aree esterne;
b.  rinnovo dell'autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura di acque reflue industriali, acque di prima pioggia e lavaggio aree esterne;
c.  aggiornamento dei contenuti delle autorizzazioni precedentemente rilasciate e relativi a insediamenti, edifici o stabilimenti soggetti a diversa destinazione d'uso, ad ampliamento o a ristrutturazione da cui non derivi uno scarico con caratteristiche qualitative o quantitative diverse; ovvero riduzioni quantitative significative dello scarico e/o miglioramento della sua qualità, riferibili a decrementi del livello produttivo o a sostanziali modifiche del ciclo produttivo o al mutamento delle condizioni della superficie scolante di pertinenza degli insediamenti, edifici o installazioni;



L’Autorizzazione unica ambientale avrà durata di 15 anni a decorrere dalla data di rilascio e potrà essere richiesta non oltre il termine di 6 mesi prima della scadenza del primo titolo abilitativo da essa sostituito.

In caso di scarichi contenenti sostanze pericolose, di cui all'art.108 del D.Lgs. 152/06, i gestori degli impianti autorizzati devono presentare all'ATO, almeno ogni 4 anni, una comunicazione contenente gli esiti delle attività di autocontrollo. L'ATO potrà procedere all'aggiornamento delle condizioni autorizzative qualora dalla comunicazione emerga che l'inquinamento provocato dall'attività e dall'impianto è tale da renderlo necessario. Tale aggiornamento non modifica la durata dell'autorizzazione.

Per quanto sopra indicato e nel rispetto di quanto stabilito dal combinato disposto della L.241/90 e del DPR n. 59/2013, le domande eventualmente presentate, o comunque pervenute a questa Autorità, dal 13.06.2013, verranno respinte.

Si segnala che i procedimenti avviati prima dell'entrata in vigore del DPR n. 59/2013 saranno conclusi ai sensi delle norme vigenti al momento dell'avvio degli stessi.

Precisato che il “tariffario regionale AUA” si applica esclusivamente ai procedimenti inerenti il rilascio di nuove autorizzazioni, la modifica sostanziale, il rinnovo e la voltura delle AUA di cui al DPR n. 59/2013 e non sono previsti oneri nel caso di “proseguimento senza modifiche” del titolo, mentre per i procedimenti non ricadenti nella succitata disciplina continueranno ad applicarsi le modalità di determinazione e versamento delle tariffe istruttorie previste dalle normative settoriali.
Relativamente agli scarichi in pubblica fognatura risultano pertanto escluse dal succitato tariffario le dichiarazioni di assimilazione delle acque reflue industriali alle acque reflue domestiche ai sensi del RR n. 03/06, le istanza di cessazione dello scarico, gli endo-procedimenti relativi ad Autorizazioni Uniche non ricadenti nella disciplina del DPR n. 59/2013 e le istanze di autorizzazioni, ai sensi dell'art. 124 del Dlgs 152/06, presentate da soggetti differenti dalle piccole e medie Imprese. Link: http://www.cittametropolitana.mi.it/ambiente/obiettivo/aua/oneri_aua.html

Autorizzazione agli scarichi in pubblica fognatura - Utenze rientranti nei "Quartieri Orientali del Comune di Milano" i cui reflui recapitano nell'Impianto di depurazione di Peschiera Borromeo gestito da Amiacque Srl.

Con riferimento alle utenze ubicate nei "Quartieri Orientali del Comune di Milano", si comunica che nell'ambito delle istruttorie propedeutiche al rilascio del titolo autorizzativo inerenti gli scarichi di acque reflue industriali e/o acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, lo Scrivente Ufficio provvederà ad acquisire il parere di competenza di Amiacque Srl, Gruppo CAP Holding SpA, in qualità di Gestore dell'Impianto di depurazione di Peschiera Borromeo, oltre che al parere di MM SpA in qualità di Gestore della rete di fognatura.
Pertanto le Imprese i cui scarichi in pubblica fognatura sono ubicati nelle vie elencate nell'Allegato A "Stradario", dovranno corrispondere gli oneri di istruttoria tecnica al Gestore AMIACQUE SRL oltre che gli oneri di procedibilità ad ATO Città Metropolitana di Milano.
Allegato A Stradario


Si precisa che per tutte le istanze non ricadenti nella disciplina AUA ed in particolare per quelle relative a:

a.  dichiarazioni e comunicazioni di assimilazione alle acque reflue domestiche;
b.  voltura delle autorizzazioni precedentemente rilasciate per i casi di modificazioni nella titolarità della società autorizzata, del suo legale rappresentante od altre analoghe modificazioni che attengono alla natura della ditta o all'identificazione della titolarità dello scarico;
c.  archiviazione per cessazione dello scarico;
l'utente dovrà utilizzare la modulistica presente nella sezione "autorizzazioni industriali" - clicca qui.

Clicca qui per scaricare la modulistica "relativa alle istanze di AUA".


  DPR 13/03/2013 n.59 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.124 del 29/05/2013 – suppl. Ordinario n.42